REQUISITI PER ESSERE UN BRAVO PERSONAL TRAINER

Spesso mi viene chiesto, da ragazzi giovani che vogliono formarsi ed affermarsi in questo settore, quali siano i requisiti per diventare “top” personal trainer.

Così, ho deciso di scrivere questo articolo, che riassume il mio personalissimo pensiero, basato su oltre vent’anni di studio e pratica.

Per me, i presupposti indispensabili per poter diventare un top personal trainer, ovvero un professionista autorevole in ambito fitness e wellness, sono 4:

1) Conoscenza

Bisogna studiare. Studiare significa conoscere i principi teorici che stanno alla base dell’attività motoria, dalla fisiologia del movimento, alla programmazione dell’allenamento, passando per l’anatomia funzionale, per la biomeccanica degli esercizi, per la composizione corporea, e, in genere, per tutto ciò che riguarda la capacità di individualizzare un programma di allenamento.

Conoscere la teoria ci permette di avere delle certezze su ciò che funziona e ciò che non funziona, in relazione ad un determinato obiettivo.
Ovviamente questo non preclude affatto la possibilità di sperimentare…ma la sperimentazione deve essere “guidata” dal ragionamento e dalla capacità di contestualizzare.

2) Esperienza

Ok la teoria e lo studio, ma se tale teoria rimane fine a se stessa, viene declassata a mero nozionismo. Cosa significa? Significa che se non mettiamo in pratica ciò che studiamo, potremo sembrare competenti sui social, ma nella vita (professionale) reale contano i risultati che si producono, e non le chiacchiere.

3) COMPETENZA

E’ il risultato dei primi due punti.

Conoscenza + Esperienza (ripetuti per anni) = Competenza.

Non saprei spiegarlo in modo più semplice: devi studiare, poi devi fare, devi sbagliare, devi capire cosa hai sbagliato, devi correggere i tuoi pensieri/comportamenti che ti hanno portato a sbagliare, devi riprovare e devi rivalutare i risultati ottenuti…per sempre!

Le persone che decidono di affidarsi ad un personal trainer lo fanno proprio per questo, perché vogliono ottenere dei risultati che, da soli, non riescono a raggiungere.

4) PASSIONE

Credo che questo fattore non abbia neanche bisogno di essere spiegato. Quella del personal trainer è una professione che deve essere guidata, accesa, perpetrata con il fuoco della passione.
Devi scegliere di essere un trainer, non di fare il trainer.
Se non comprendi la differenza, hai già fatto la tua scelta.

E QUALI STRUMENTI SERVONO?

Ecco, ora probabilmente qualcuno “storcerà” il naso, perché, sempre secondo il mio punto di vista, gli strumenti necessari sono, in ordine di importanza:

1. OCCHIOMETRO

Devi osservare attentamente la persona che hai di fronte, non solo dal punto di vista strutturale, ma anche posturale e gestuale.
Così come dovrai osservare attentamente come si muove durante l’esecuzione degli esercizi, al fine di selezionare solo i movimenti più sicuri ed efficaci.

2. ORECCHIOMETRO

Devi saper ascoltare. Lo so che sembrerà strano (mi auguro solo per i non addetti ai lavori), ma prima di formulare qualsiasi programma di allenamento è assolutamente indispensabile ascoltare il nostro interlocutore, non solo per conoscere la sua “storia” sportiva (sempre che ce ne sia una), ma anche e soprattutto per comprendere al meglio ciò di cui ha realmente bisogno.
E qui dobbiamo essere estremamente oggettivi e onesti, per capire se siamo effettivamente in grado di aiutare la persona che si è rivolta a noi.

3. CERVELLO

Eh si, serve anche questo, e si estrinseca nella capacità di elaborare le informazioni relative alla singola persona, al fine di strutturare un programma individualizzato, attraverso la nostra Competenza (Conoscenza + Esperienza).
Bisogna possedere sia le capacità analitiche che quelle creative…e quando si riesce a farle lavorare in sinergia i risultati sono straordinari!

4. CUORE

E’ lo strumento necessario per metterci passione.
Fare il trainer è uno di quei “mestieri” che deve essere esercitato solo se ami ciò che fai. Punto.

5. ATTREZZATURE VARIE

Mi riferisco agli strumenti materiali che ci aiutano a svolgere meglio il nostro lavoro, quali, ad esempio:

Dedicherò alcuni articoli specifici per analizzare nel dettaglio caratteristiche, pregi e difetti di alcuni di essi.

Per concludere, si tratta di strumenti che servono ad ottimizzare il nostro lavoro, ma che non sono affatto necessari…o almeno non lo sono se prima non si possiedono tutti gli altri.

Vuoi essere un “top” personal trainer? Bene, ora hai tutti gli “strumenti” per diventarlo.. 😉

add comment